mercoledì 24 giugno 2015

BURGER, BUNS AND BBQ SAUCE.




Lo aspettavo da tempo un MTChallenge così. E nonostante tutto mi ritrovo a fine gara a lottare contro il tempo. 
Di come si è evoluta la passione per il BBQ in casa mia ne ho già parlato e magari un giorno o l'altro farò un post sull'argomento. Oggi il soggetto è l'Hamburger, o meglio l'American Burger.

Il marito non aspettava altro per divertirsi un po' e domenica abbiamo lavorato insieme dalle 12 alle tre del pomeriggio, ora in cui finalmente ci siamo messi a tavola. E' stato talmente divertente che non abbiamo neanche provato i morsi della fame, fino a quando i figli (uno immerso nello studio per l'esame di terza media, l'altra  nei meandri del web) non si sono affacciati preoccupati chiedendo se fosse previsto un pranzo o no...

 Quando ho cominciato a pensare alla sfida ho subito avuto chiaro che tutto sarebbe stato impostato a partire dalla BBQ sauce del marito. E' una salsa che non avanza mai, e che l'amico più originale che abbiamo spalma sul pane anche a colazione (cosa accaduta veramente) 

Considerando la BBQ sauce come contitio sine qua non , ecco come abbiamo concepito il nostro

 HOMESWEETHOME BURGER 



BUNS (dosi per 8 ) 



  • 250 g di farina 00 
  • 250 g di farina manitoba
  • 260 g di latte (io di solito uso 3/4 acqua e 1/4 latte)
  • 40 g di burro 
  • un uovo
  • un cucchiaino di sale
  • una bustina di lievito di birra disidratato
  • due cucchiai di malto d'orzo 

  • un tuorlo per spennellare i buns
  • semi vari


Non mi sono mai piaciuti i panini degli hamburger confezionati. Sono un pane di plastica e ho sempre mangiato i miei burger senza pane. Poi tempo fa ho iniziato a fare io i buns. Questa è la ricetta che solitamente utilizzo, con qualche variante per farla diventare più somigliante possibile a quella di Arianna  Io non amo per niente lo strutto e quindi,  anche se non sono vegetariana, non l'ho inserito, così come ho sostituito lo zucchero con il malto. 

Procedimento


  • Mettete in una ciotola la farina setacciata e il lievito e il malto. 
  • Aggiungete il latte, l'uovo sbattuto e il malto. 
  • Mescolate e unite anche il burro tagliato a pezzettini. Unite anche il sale.
  • Lavorate fino ad ottenere una pasta liscia e morbida.
  • Mettete la pasta in una ciotola, coprite con una pellicola e fare lievitare fino al raddoppio
  • Sgonfiate l'impasto, formate un rettangolo, dividetelo in tre parti, sovrapponete la destra al centro e la sinistra sulla destra. Girate di 90° e fate lo stesso. Lasciate riposare per circa mezz'ora e poi procedete con la formazione dei panini.
  • Dividete in otto la pasta (ogni panino deve essere di circa 80 grammi) e formate dei panini che poggerete sulla teglia. Schiacciateli un pochino con il palmo (io non lo faccio molto perchè mi piacciono un po' tondi
  • Fateli riposare per mezz'ora almeno. Spennellateli con il tuorlo d'uovo e cospargeteli con i semi. Metteteli in forno preriscaldato e cuocete a 180° per circa venti minuti o comunque fino a che non li vedete dorare in superficie. 

PATTIES


Dosi per 6 patties 
  • 1 kg g di  angus beef dell'uruguay, taglio bavetta (è una carne con una buona percentuale di grasso e di tessuto connettivo)
  • prezzemolo
  • pepe bianco e nero
  • un cucchiaino d'olio extravergine d'oliva
Come procedere


  • Trimmate ( termine tecnico usato dai fanatici del BBQ, viene da to trim) la carne privandola del grasso in eccesso.
  • tagliate al coltello


  • in una ciotola sistemate la carne tritata e unite gli altri ingredienti
  • mescolate e formate sei palline 
  • appiattitele (il marito nei tanti giri nel negozio di BBQ della zona si è comprato lo stampo per patties e quello per minipatties)

Per quanto riguarda la cottura, a casa nostra durante la bella stagione non si può che fare alla griglia

  • accendete la carbonella (il marito utilizza una ciminiera di accensione, che permette di velocizzare i tempi)
  • quando si è formata la brace e la griglia si è ben scaldata (per avere il calore più inenso possibile),  sistemare i patties sulla griglia  e salarli
  • cuocete pochi minuti per lato, girando una sola volta fino al raggiungimento della temperatura interna di 55° / 60° (a seconda di quanto al sangue vi piaccia la carne) 
  • per chi vuole il formaggio, adagiare una fetta di cheddar nell'ultima fase di cottura e se si ha un kettle chiudere con il coperchio per qualche istante



BBQ SAUCE

  • due cucchiai di olio extravergine d'oliva
  • 2 cipolle di Tropea (piccole) 
  • 2 cucchiai di zucchero muscovado
  • 1 cucchiaio di aceto di mele
  • 2 cucchiai di whisky
  • 2 cucchiai di aceto balsamico
  • 3 cucchiai di salsa worchester
  • mezzo litro di salsa di pomodoro
  • due cucchiai di ketchup
  • tabasco a piacere


  • tritate finemente le cipolle
  • in una casseruola con fondo spesso scaldate l'olio, aggiungete le cipolle, lo zucchero e caramellate. 
  • unite i diversi aceti, il whisky e la salsa worchester. Mescolate e fate evaporare l'alcool presente
  • Aggiungete la salsa di pomodoro, il ketchup e il tabasco. Fate sobollire per almeno mezz'ora facendo attenzione che la salsa non si attacchi sul fondo 
  • Se preferite una consistenza più vellutata, frullatela e passatela al colino. A noi piace anche così, un po' rustica ;)

PEPERONI VERDI E CIPOLLA DI TROPEA AL WHISKY

  •  un peperone verde piuttosto grande
  • una cipolla di tropea 
  • un cucchiaio di olio extravergine d'oliva
  • due cucchiaini d zucchero muscovado
  • una spruzzata di whisky
  • sale

  • Tagliate a striscioline sia il peperone che la cipolla
  • fate saltare in padella insieme a uno o due cucchiai di olio
  • aggiungere lo zucchero e mescolare
  • unire il whisky e far appassire i peperoni e la cipolla
  • regolare di sale

POMODORI GRATINATI CON CHEDDAR CHEESE

  • quattro pomodori perini
  • 30 g circa di pane grattato di cui almeno una parte in maniera grossolana (io ho pestato al mortaio dei panini secchi)
  • 30 g circa di cheddar cheese 
  • sale
  • erbette aromatiche
  • olio extravergine d'oliva

Procedimento

  • lavate i pomodori, tagliateli a metà e scavando nel mezzo togliete i semi
  • tritate grossolanamente il cheddar
  • unite il cheddar e le erbe aromatiche al pan grattato 
  • riempite i pomodori con il mix di pangrattato e cheddar
  • ungete con un filo d'olio e salate leggermente

  • sistemate i pomodori sulla griglia 
  • cuocete fino a che non vedete sciogliersi il cheddar

E ora componiamo il piatto.


Partendo dal fondo mettete

  • un filo di maionese (facoltativo)
  • insalata
  • hamburger
  • cheddar
  • peperoni
  • salsa bbq
Chiudete il bun, allargate la bocca stile Adam Richman e ... buon appetito!





PS 

la nostra merenda sinoira delle tre è stata una meraviglia: sole e venticello, ottimi burger, birra artigianale dei Monaci di Gudo, in sottofondo una playlist di spotify molto country folk e la soddisfazione tutta nostra di esserci di nuovo diveriti a fare qualcosa insieme. 

PPS 

Ringrazio di cuore il marito per aver fatto il grosso del lavoro e per aver aspettato fino ad ora a pubblicare le foto delle sue (e mie) creazioni sul gruppo di FB dei griller.








5 commenti:

  1. Io che adoro la bbq sauce, aspettavo solo una buona ricetta per provarla... e adesso l'ho trovata!!! Spettacolari gli abbinamenti, con il Whisky che fa da filo conduttore tra la salsa e i peperoni. Spettacolarre tutto, davvero! Un lavoro di squadra particolarmente riuscito!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Provala! La base è una salsa che trovammo qualche anno fa in un libro sul bbq. Poi con il tempo il marito l'ha arricchita del suo tocco. Se vuoi dare una consistenza più vellutata e lucida, frulla e passa al colino tutto e aggiungi alla fine (a freddo e bilanciando di conseguenza gli ingredienti) un po' di succo d'acero. Ciao!!

      Elimina
  2. vabbè già quando leggo in nome le tuo blog io non so perche' ho un momento di relax giuro è forse questione psicologica ma mi rilasso ..poi vedo questa meraviglia e davvero mi sento in vacanza perfetto
    complimenti tutto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille!! Buon relax e ... buon appetito :)

      Elimina
  3. sono le 18.30 di questo caldo 1° settembre...ancora un paio d'ore prima della cena, in teoria sarei anche a dieta (per prepararmi alle ferie..) e dopo aver letto il tuo post ma soprattutto dopo aver visto le foto....HO FAME!!!! :)

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails